Cosa è un hairlover?

Ho ritenuto necessario inserire questa premessa per chi non conosce il mondo Hair-Lover.
Gli hairlover sono a metà tra gli amanti dei capelli (chi li cura con attenzione) e gli hairfetish (i veri e propri feticisti della chioma).
Ho scritto una recensione, che è apparsa anche su wikipedia; spero sia soddisfacente.



Gli hairlover o amanti dei capelli sono delle persone con una grande passione per i capelli. Questa passione può interessare i propri capelli oppure i capelli in generale, anche di persone di un sesso di cui l'hairlover non si sente attratto (un hairlover etero può amare anche i capelli maschili senza essere omo o bisessuale).

 Gli hairlover tengono sempre a fare la distinzione tra hairlover e hairfetish. Infatti, diversamente dall'hairfetish, il capello non è un "feticcio", qualcosa di staccato dal corpo (come le ciocche che adorano e collezionano gli hairfetish), ma esso si armonizza esteticamente col viso della persona e inoltre essere hairlover ha implicazioni erotiche quasi inesistenti o comunque parziali (diversamente dall'haifetish).

Gli Hairlover non sono neanche dei "parrucchieri mancati", infatti spesso sono cultori di tipi di capelli o acconciature "non di moda" e contestano spesso l'operato dei parrucchieri, e la loro mania per proporre solo le mode dell'anno.
Spesso gli hairlover hanno avuto in famiglia qualcuno che lavorava nel mondo dei parrucchieri.

 Gli hairlover chiamati passivi sono quelli che dedicano l'attenzione solo alla propria chioma. Ve ne sono abbastanza in entrambi i sessi, spesso amano "subire" un trattamento, che puo' essere lo shampo, la tintura, o dei tagli più o meno estremi. In questa corrente si inseriscono degli appassionati della rasatura a lametta o a clipper, che amano sentirsi "privare della chioma", sia da loro stessi, sia da un agente esterno che puo' essere a volte di entrambi i sessi. Questo tipo di hairlover vive un profondo rapporto col le terminazioni nervose della sua nuca e prova un piacere anche fisico nel subire questi trattamenti, ma spesso è un piacere psicologico che può derivare da un episodio del suo passato, spesso infantile.

Poi vi sono gli hairlover attivi, spesso uomini, che amano compiere i suddetti trattamenti su persone spesso di sesso opposto. A volte si tratta solo di lavaggio o addirittura semplice accarezzamento. Spesso questo tipo di hairlover concentra le sue attenzioni su un tipo molto particolare di capigliatura: la frangia, i boccoli, un colore particolare di capelli. Spesso si ha un'attrazione per i tagli, i colori, o le acconciature estreme: come le rasature o i capelli lunghissimi.
vi è una piccola parte, in questa categoria di donne, a volte lesbiche, che amano proporre questi trattamenti a donne (a volte trattamenti "reciproci" connessi a pratiche sessuali), a volte eterosessuali, appassionati ai capelli sani e belli maschili. A volte queste ultime hanno un debole per gli uomini dal capello molto lungo e curato.

 A volte, ma non spesso, gli hairlover tendono ad avere comportamenti maschilisti, a dare un valore simbolico al tipo o alla lunghezza di capelli connesso alla femminilità o alla mascolinità.

Spesso gli hairlover, come detto prima, si presentano come un'alternativa ai parrucchieri e alle mode che essi propongono. Vi è spesso un rifiuto dei tagli "sfoltenti" scalati e sfilati per la proposta di tagli pari di diversa lunghezza. A volte si parla di due tipi di hairlover attivi: cortisti e lunghisti. A parte il facilmente intuibile significato di questi termini, spesso queste due categorie manifestano una antipatia per la categoria opposta. I lunghisti oltre ad amare i lunghi manifestano a volte una certa tolleranza per i tagli pari corti e medi. I cortisti spesso non amano "tagliare", ma più che altro "pareggiare" in luce a una intenzione di far crescere i capelli. A volte vi è una passione per la donna con frangia. I cortisti a volte possono sfociare nell'ossessione (consigliando sempre e comunque corti e rasati) e quindi rientrare nella categoria hairfetish (anche perché a volte collezionano ciocche o code di ex clienti). Essi sostengono che la nuca e la testa siano l'unica parte femminile ancora celata all'occhio. Tutti gli hairlover amano dare consigli tramite internet.

Diversamente dagli amanti di altre parti del corpo il fenomeno hairlover spesso si discosta da sadomasochismo o bondage, anche se alcuni di loro vivono il taglio come una mutilazione o una punizione. Ma qui si tende un po' verso il mondo hairfetish. Quando l'essere hairlover si connette alla sessualità, spesso questi trattamenti prima dedicati solo ai capelli vengono riservati alle parti intime. Alcuni hairlover manifestano il sogno erotico di tagliare i capelli, anche di pochi cm, durante l'amplesso.

In Italia il fenomeno hairlover è molto sottovalutato. Vi è una discreta comunità, che si riunisce nei pochi forum a tema. Oltre agli hairlover si presentano in questi forum persone di entrambi i sessi, ma a prevalenza femminile (spesso uscite da una delusione col proprio parrucchiere e interessate solo ai propri capelli), che cercano solo consigli, e che manifestano magari una particolare cura per il look (spesso si scoprono hairlover). A volte si tratta di ragazze con lunghissime chiome in cerca di forum specifici in cui parlarne o ragazze alternative desiderose di provare look estremi.